La serie tv che ti aiuta nella vendita di abbigliamento online

Condividere fa bene a spirito e vendite.

C’è una serie tv che ha la capacità di raccontarti come è possibile vendere abbigliamento online su ebay, mostrandoti trucchi e segreti che possono sfuggire ad un occhio meno attento, ma che si rivelano molto importanti.

Su Netflix c’è la serie tv Girlboss: parla di Sophia, una ragazza senza soldi e dalle prospettive molto piccole che vive aiutata economicamente dai genitori. La sto guardando con molto interesse, perchè il significato nascosto è che chiunque può avere successo da una propria idea, basta crederci realmente, applicarsi con costanza e studiare duro, per ottenere i risultati voluti.

Sophia scopre di avere buon gusto nell’abbigliamento e che questa dote applicata su ebay, gli permette di fare soldi vendendo abiti vintage scovati nei mercatini dell’usato della sua città natale, San Fracisco. Tutto inizia con una giacca unica e rara, una “giacca da motociclista anni 70 in pelle di vitello in perfette condizioni” che la protagonista trova nel negozietto sotto casa acquistandola a 9$, per rivenderla poi a 615$ all’asta su ebay, quindi un vero affare. Con quella prima vendita si prende coraggio e capisce che è possibile vivere di questa attività.

FINO A QUANDO NON LO PROVI, NON CAPISCI COSA SIGNIFICA VENDERE ABBIGLIAMENTO A DEGLI SCONOSCIUTI

Le puntate passano, allestisce un vero magazzino di abbigliamento vintage nel proprio appartamento e si trova un nome “fico” perchè, come Sophia spiega nella puntata numero 3 (Grazie, San Francisco), tu chiedi a delle persone di comprare da te e devi avere un nome fico che la gente si ricorda e che rappresenti il tuo genere unico.

Questo è un ottimo consiglio, perchè prima di appiccicarti un nome qualsiasi che piace solo a te per soddisfare il tuo ego, devi cambiare il tuo punto di vista per trovare quello giusto e dare sfogo alla tua voglia di vendere vestiti. Il nome che decidi sarà il brand che ti porterai avanti per tutta la tua carriera, la popolazione ti identificherà con esso quindi deve rappresentarti e, allo stesso tempo, deve essere facile da ricordare.

Ti do una valida dritta che aiuta me nella scelta di un brand per i miei clienti: devi uscire dal tuo solito ufficio, uscire dalle tue solite 4 mura di casa e girare per bar e parchi, incontrare persone che non hai mai incontrato e iniziare a parlarci, staccare il cervello dal pensiero del nome da trovare, fai in modo che la tua mente sia impegnata in completamente altre attività e il tuo nome, che ti porterai avanti per sempre, verrà da solo.

Ricorda che l’impresa più difficile nella vendita è di ricavare uno spazietto nella testa delle persone per fare in modo che, a quella specifica necessità il primo pensiero per soddisfarla sia tu.

La puntata successiva di Girlboss, la numero 4 (Ladyshopper99) ti darà invece l’insegnamento di come vanno gestiti gli ordini e di come, allo stesso tempo, non vanno gestiti: doppia nozione sulla vendita.

GESTISCI IN FRETTA E CIRCONDATI DI VALIDI FORNITORI

Durante la puntata, Sophia riceve un ordine di un abito da sposa vintage che ha messo precedentemente in vendita, con tutte le perline cucite e mano ma, la sposa una volta ricevuto il pacco, scrive alla protagonista che è macchiato chiedendo la restituzione dell’importo anticipato.

La ragazza non si da per vinta, si fa rispedire l’abito, lo fa lavare per eliminare il problema ma, si affida alla lavanderia sbagliata, che gli consegna sì l’abito pulito ma con molte delle belle perline, scucite e riposte in un sacchettino.

Non vi racconto tutta la storia, altrimenti questo post diventa uno spoiler ma, i tempi stretti per l’inizio della cerimonia nuziale e un piacevole imprevisto, la obbligheranno a portare di persona l’abito sistemato alla cliente, consegnandolo 5 secondi prima dell’inizio del matrimonio.

Questa puntata di Girlboss ti da 3 insegnamenti molto importanti nella vendita online di abbigliamento:

  1. Non importa quanti problemi tu abbia nella gestione dell’ordine, lo devi fare sempre con il sorriso sulle labbra, correndo se necessario e, sopratutto, rispettando quanto hai promesso al cliente. Sophia promette più volte al telefono che l’abito sarebbe arrivato per tempo dalla cliente e fa di tutto per fare in modo che accada.
  2. Affidarsi ai fornitori sbagliati dei servizi vitali nel processo di vendita è un grosso errore che ti può far ricevere cattive recensioni per ritardi o prodotti scadenti. La protagonista si affida ad una lavanderia che gli farà perdere del tempo, scatenando a catena una serie di imprevisti che scombussoleranno la spedizione.
  3. La puntata termina con la ricezione di un feedback molto positivo da parte della sposa che, durante il trambusto, aveva giurato al telefono di darne uno estremamente negativo a Sophia. Gli sforzi da parte della protagonista, per cercare di trasmettere un’esperienza super positiva all’acquirente dell’abito, si rivelano fondamentali e tu, dovresti imparare a fare la stessa cosa.

Girlboss è una serie televisiva che devi tassativamente guardare se hai intenzione di aprire il tuo negozio online di abbigliamento, mi fa ricordare me all’inizio, quando ho aperto la mia attività nella cameretta di casa con poco denaro e tanta voglia di fare.

Se hai intenzione di aprire la tua attività di vendita abbigliamento online (magari proprio vestiti vintage, come Sophia!), guardatela tutta d’un fiato per capire a cosa andrai incontro e per prendere spunto su come bisogna gestire il tuo negozio online di abbigliamento. Anche se questa serie tv è incentrata sull’uso del negozio elettronico eBay, non farti sfuggire i consigli nascosti che puoi applicare ad ogni metodo di vendita su internet.

Continua a studiare:

Come vendere abbigliamento, in 4+1 punti Vendere abbigliamento può risultare ostico, se non sai come farlo. Ti ritrovi attaccato su tutti i fronti, la concorrenza è aggressiva e i clienti magari passano anche, ma non acquistano. Come fare? ...
Mancanza di pantaloni e scarpe Problema comune da gestire per ogni attività commerciale di abbigliamento, è la mancanza di, ad esempio, scarpe o pantaloni nel preciso momento in cui un cliente ve li chiede. Niente panico, usa strat...
Cosa scrivere in un blog di vendita abbigliamento Nelle pagine di shopabiglia, ho consigliato spesso di creare un blog che accompagni la vendita di abbigliamento, sia online che per il tuo negozio tradizionale. Ma cosa scrivere nel tuo blog di vendit...
Condividere fa bene a spirito e vendite.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *