Vendere calze da scalatore su Facebook

Condividere fa bene a spirito e vendite.

Facebook è fantastico, si è sostituito alle piazze di paese in brevissimo tempo, centralizzando le attività di web marketing a suo favore ma, per un’adeguata strategia, non bisognerebbe farci tutto quello che ti passa per la testa, come ad esempio vendere i tuoi prodotti.

Personalmente mi ritengo un nerd, un ragazzo classe 1984 amante della tecnologia, dei videogiochi, dei film e selle serie tv.

Amo dedicare ore sul divano a gustarmi la nuova pellicola o la nuova fiction americana di turno, lanciando un’occhiata anche al passato delle vecchie glorie che ci hanno portato a quello che vediamo oggi.

TUTTO QUESTO SU DI ME, FACEBOOK LO SA MOLTO BENE

Il concetto base sul funzionamento di Facebook è proprio questo: avere più informazioni possibili sulla propria popolazione per mostrare annunci pubblicitari il più possibile mirati e personalizzati a chi sta guardando.

Ma, c’è un grosso ma nel discorso: il motivo con cui si è sul social network.

Si sta su Facebook per il puro cazzeggio, il mostrare cosa stiamo facendo o vedere cosa sta facendo il nostro amico. Si sta su Facebook per dire la propria, per litigare e per innamorarsi.

I MOMENTI DI RELAX

Su “faccialibro”, si sta per rilassarsi e dedicare minuti svogliati spegnendo (a volte troppe volte e per troppo tempo) il cervello.

Ed è qui che il concetto della vendita, viene meno.

Stare “al cazzeggio” ci fa scartare automaticamente nel 90% dei casi gli annunci pubblicitari che la piattaforma ci mostra perchè, acquistare qualche cosa piccola o grossa che sia, è uno stress notevole per il nostro cervellino verde sott’aceto: nei momenti spensierati su facebook a scrollare i cazzacci altrui, la tua testa non vuole avere altri cazzi, poche decisioni.

EPPURE IO HO COMPRATO

A me è capitato di acquistare una maglietta della serie tv The Big Bang Theory attraverso un annuncio mostrato su Facebook. Mi ha preso in un momento buono, avevo disponibilità economica, ero predisposto mentalmente e ho speso questi 20€.

Però, vorrei farti un paio di precisazioni:

  • Non ricordo il nome dell’azienda
  • L’azienda non mi ha più comunicato nulla
  • Dopo l’acquisto (mi sembra) non ho più visto l’annuncio
  • Non mi hanno mai proposto nulla di nuovo

Più sotto ti mostro un esempio concreto di come dovresti fare tu, ma il concetto è che fare un annuncio pubblicitario su Facebook dedicato alla pura vendita di un prodotto, farà si che il cliente rimanga chiuso a quella singola azione e che in ogni caso, il numero di vendite effettive risulti molto basso rispetto alla quantità di persone effettivamente raggiunte dall’annuncio.

Tradotto significa che spenderesti molto denaro a fronte di poche vendite.

FACEBOOK NON FUNZIONA

Falso, Facebook funziona alla grande 🙂 MA, devi sapere come usarlo a tuo vantaggio, senza infastidire il navigatore e anzi, incuriosirlo.

Come scritto nelle pagine di questo blog, puoi dire di aver fatto una buona pratica di marketing, quando sei riuscito a ritagliarti uno spazietto nella testa del tuo cliente, e a fare questo Facebook è un valido strumento.

Se invece di:

“Acquista ora la maglietta originale della Serie Tv Il Trono di Spade”

tu leggessi:

“Rimani informato sulle novità de Il Trono di Spade prima dei tuoi amici.”

non credi sarebbe molto (ma molto) più facile ottenere i dati del navigatore interessato alla serie tv?

Stai cazzeggiando su Facebook, ti compare un messaggio pubblicitario (all’apparenza) innoquo, hai le difese mentali molto basse, clicchi sull’annuncio e lasci i tuoi dati. Poi, una corretta campagna email marketing, ti darà quanto promesso, vale a dire novità e news sulla serie tv, mescolandoti proposte commerciali in target e di tuo interesse, quindi che ti trasmetteranno meno stress.

NON VENDERE ABBIGLIAMENTO SU FACEBOOK

Vengo dunque al succo del discorso. Devi imparare a sfruttare Facebook per quello che è, vale a dire uno strumento in cui la gente si rilassa e perde del tempo.

Mettere annunci pubblicitari dedicati espressamente all vendita è altamente rischioso e non ti da i risultati che ti aspetteresti di avere.

Scrivere invece un annuncio che invogli il visitatore a fare mi piace alla tua pagina facebook o a lasciare i propri dati in cambio di contenuti ritagliati su misura, è più facile e ti permette di comunicare direttamente con il tuo target di riferimento.

Non oggi, non domani, magari fra 3 mesi o fra 3 anni, il cliente sarà nella situazione perfetta (economica / mentale / salutare) per cui tirerà fuori la propria carta di credito.

Non avere fretta di vendere. La fretta crea danni, non fatturato.

VENDI ESPERIENZA E CONOSCENZA

Facebook devi usarlo per raggruppare più clienti possibili in target. Il tuo target lo devresti pensare prima di aprire qualsiasi attività commerciale che ti gira per la testa.

Prometti informazioni uniche e particolari, promettile prima di qualsiasi altro concorrente e trasmetti nel tempo fiducia che si tramuterà in vendite più facili.

Ti faccio un esempio: se produci calze in cotone per scalatori di montagne, di quelle belle spesse perchè il piede nella scarpa deve essere immobile e in pieno confort, dovresti puntare sull’esperienza che ti trasmette arrivare sulla cima. Fai capire al lettore che sai bene che ti aiuta a trovare la serenità e l’equilibrio che la vita di tutti i giorni ti cancella.

Emoziona il tuo cliente con i tuoi racconti, su quella volta che stavi per fare un salto di 100metri perchè hai fatto un errore di valutazione su un’appiglio e che, senza la calzatura adatta ai piedi, difficilmente saresti riuscito a non farti del male.

Trasmetti il concetto che l’equipaggiamento importante, non perforza si deve vedere, e parli delle tue calzature appositamente pensate per lo scopo.

Nel tempo vedrai, i tuoi lettori si trasformeranno in clienti appassionati, nulla di meglio che tu possa desiderare.

Continua a studiare:

Come deve essere un blog per vendita abbigliamento... Ai miei clienti che vogliono avere un blog di vendita abbigliamento che sia efficace, che sia capace di trasmettere valore a chi legge e che sia capace di tramutare un lettore in un acquirente, applic...
Come vendere abbigliamento, in 4+1 punti Vendere abbigliamento può risultare ostico, se non sai come farlo. Ti ritrovi attaccato su tutti i fronti, la concorrenza è aggressiva e i clienti magari passano anche, ma non acquistano. Come fare? ...
Mancanza di pantaloni e scarpe Problema comune da gestire per ogni attività commerciale di abbigliamento, è la mancanza di, ad esempio, scarpe o pantaloni nel preciso momento in cui un cliente ve li chiede. Niente panico, usa strat...
Condividere fa bene a spirito e vendite.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *